Tehillim

Tehillim (pronunciato “the-hill-leem”) è il termine ebraico originale che indica i “Salmi”. Letteralmente significa “preghiere” e deriva dalla radice ebraica composta di tre lettere ‘hey, lamed, lamed’ (hll) che è anche la radice della parola halleluyah.
La versione da camera prevede 4 voci femminili, ottavino, flauto, oboe, corno inglese, 2 clarinetti, 6 percussionisti, 2 organi elettrici, 2 violini, viola, violoncello e contrabbasso:
In contrasto con i miei precedenti lavori, Tehillim non è costituito da brevi patterns ripetuti. Sebbene l’intera melodia venga ripetuta sia come soggetto di un canone che come tema con variazioni, il brano è realmente più prossimo a ciò che si trova nello sviluppo della musica occidentale.

Steve Reich

Leggi di più

ENGLISH

Tehillim (pronounced “the-hill-leem”) is the original Hebrew word for “Psalms”. Literally translated it means “praises”, and it derives from the three letter Hebrew root ‘hey, lamed, lamed’ (hll) which is also the root of halleluyah.
The chamber version is scored for four women’s voices, piccolo, flute, oboe, cor anglais, 2 clarinets, six percussion, two electric organs, two violins, viola, cello and bass.
In contrast to most of my earlier work, Tehillim is not composed of short repeating patterns. Though an entire melody may be repeated either as the subject of a canon or variation this is actually closer to what one finds throughout the history of Western music.

Steve Reich

Read More