Les Noces di Igor Stravinsky

Le Nozze di Stravinsky in lingua garganica, ad opera di Roberto De Simone.

Composte nel 1917, Le Nozze sono l’ultimo lavoro del periodo russo di Igor Stravinsky. Questo balletto – commissionato da Diaghilev, direttore della compagnia dei Ballets russes – è scritto per quattro voci soliste, coro e un gruppo strumentale assolutamente inedito, formato da quattro pianoforti e sei percussionisti: proprio quest’organico strumentale così insolito e per l’epoca assolutamente rivoluzionario, ha ostacolato la diffusione di quello che è uno dei massimi capolavori del compositore più rappresentativo del ventesimo secolo.
Il soggetto è la celebrazione di un matrimonio contadino in un villaggio russo e questo suggerì al compositore molte citazioni di melodie russe, sia popolari che liturgiche. Per la prima volta si potrà ascoltare l’esecuzione integrale della revisione de Le Nozze in lingua garganica, realizzata da Roberto De Simone: potrebbe sembrare un’operazione astrusa, invece discende da una profonda e motivata convinzione del regista, compositore ed etnomusicologo napoletano, secondo cui nelle tradizioni popolari si può riconoscere un nucleo profondo di valori e riferimenti culturali validi sempre e ovunque e non circoscrivibili esclusivamente a una data epoca e a un dato luogo. Inoltre De Simone ha riconosciuto una segreta affinità tra il russo popolare e l’antico dialetto garganico, che gli ha permesso di rispettare letteralmente la musica di Stravinsky, mentre le traduzioni in italiano, in francese e nella altre lingue ne alteravano inevitabilmente le sonorità, le melodie e i ritmi.